piccola imprenditoria

19 dicembre, 2010

Pino Scotti di Bussana Vecchia (IM) (segno zodiacale dell’odontotecnico) aveva messo su un attività che ci faceva un mucchio di soldi.

allevava bambini con l’apparecchio da noleggiare come controfigure per Io Canto quando c’eran da fare i primi piani sulle bocche.

Annunci

se non è zuppa è panbagnato

23 giugno, 2010

e invece la Rosa, la nonna di Bisagli, Bisagli quello di Frascati (ROMA) (segno zodiacale del minestrone) (Bisagli, dico, la Rosa non so: era nata a Velletri, la Rosa, ma il segno zodiacale giù in paese non mi era riuscito di trovar nessuno che lo sapesse), gli faceva a Bisagli da piccolo tutte le sere per cena una roba che non era nè zuppa nè panbagnato.

infatti erano bucatini all’amatriciana.


carnevale al contrario

24 febbraio, 2010

Mario Paccosi (ai più noto come Lola) di Borgo San Michele (LT) (segno zodiacale del travestito), lavora sulla Salaria tutti i giorni, 24 ore su 24, senza sosta.
e se dico tutti i giorni intendo tutti i giorni: Natale, Capodanno, Ferragosto, non ci sono santi.
si prende un giorno libero all’anno, il martedì grasso, quando la mattina se ne sta a casa in tuta e pantofole con la moglie e i bambini, mentre la sera li porta tutti alla sfilata dei carri: i piccoli vestiti da Gormiti, la consorte a volte da Fantaghirò, a volte da Emma Bonino.
lui invece, maglioncino a collo alto e jeans semplici: molto casual.

vince tutte le volte il premio come miglior costume.


i vizi presi da piccoli son difficili da togliersi

2 febbraio, 2009

era un bambino precoce.
imparò a camminare prestissimo.

anzi, per essere precisi, appena tagliato il cordone ombelicale scese dal lettino, andò nel corridoio a prendersi un caffè alla macchinetta automatica e tornò in sala parto con il Gazzettino del Monferrato.

si sedette sulla poltrona, accavallò le gambe e, guardandosi attorno, chiese ai presenti: tutto a posto?


fisici d’agosto

1 agosto, 2008

c’era un certo Scafarri (segno zodiacale della trivella) di Marotta in provincia di Pesaro e Urbino (PU) (contemporaneamente) che diceva che lui una volta da piccolo sulla spiaggia aveva fatto una buca così profonda che quando era uscito era vecchio.

era una buca spazio-temporale.


primati

11 luglio, 2008

conoscevo uno che nell’84 era l’uomo più brutto d’Italia.
(anche io, in quel periodo, non è che me la passassi proprio bene, ma avevo sei anni, e tutto il tempo per migliorare)
poi, a fine anni ’90, è stato superato in classifica da un ragioniere zoppo di Zola Pedrosa (BO) e da allora non ha più potuto vantarsi al bar con gli amici.

una storia triste, pensarci bene.
c’hanno fatto anche una puntata alla televisione, in quella trasmissione, quella là, non mi viene il nome ora, su che avete capito, quella trasmissione, quella là alla televisione.
quella che parlan delle storie tristi al giorno d’oggi nella nostra ridente penisola.
su, che avete capito.


eutanasie

20 dicembre, 2007

tutte le volte c’era il professore che spiegava la caduta dei gravi e allora diceva che se voi prendete un grave e lo lasciate cadere da mettiamo dieci metri.

era lì che il giovane Isacco Newton lo interrompeva sempre: per forza, dopo che è caduto da dieci metri per forza che è grave, diceva l’Isacco.

così che il professore alzava gli occhi al cielo disperato e specificava che no, che quello era già grave prima di buttarlo di sotto.