falegnamerie

3 giugno, 2010

anche il cane di Berselli era intelligentissimo.
cioè, più che intelligente c’aveva una gran manualità.
quando gli lanciavi il bastone ti riportava direttamente una scrivania dell’IKEA.
Linnarp, si chiamava.
la scrivania, dico.
il cane, non mi ricordo mica.


la causa e l’effetto

1 maggio, 2010

Mario Cozzi, di Sant’Egidio alla Vibrata (TE) (segno zodiacale del cassintegrato), era convinto che il primo maggio era la festa dei lavoratori perchè non si lavorava.


pignolerie

4 aprile, 2010

aspettar Pasqua tutto l’anno, e poi trovarci il pelo.
nell’uovo, dico.


carnevale al contrario

24 febbraio, 2010

Mario Paccosi (ai più noto come Lola) di Borgo San Michele (LT) (segno zodiacale del travestito), lavora sulla Salaria tutti i giorni, 24 ore su 24, senza sosta.
e se dico tutti i giorni intendo tutti i giorni: Natale, Capodanno, Ferragosto, non ci sono santi.
si prende un giorno libero all’anno, il martedì grasso, quando la mattina se ne sta a casa in tuta e pantofole con la moglie e i bambini, mentre la sera li porta tutti alla sfilata dei carri: i piccoli vestiti da Gormiti, la consorte a volte da Fantaghirò, a volte da Emma Bonino.
lui invece, maglioncino a collo alto e jeans semplici: molto casual.

vince tutte le volte il premio come miglior costume.


epifania

6 gennaio, 2010

pensa che faccia, dice il Castellani, lui che di mestiere fa il bue nel presepe di Grassina (FI).
pensa la faccia che devono aver fatto i re magi, quando sono arrivati e si son accorti che la stella cometa che avevan seguito non era altro che la scia della scopa della Befana.


alla pagina 777

21 luglio, 2009

Karol, il gatto di Pasquetti, era vecchio e muto.
(il che, a conti fatti, non era poi questo gran problema, visto che Pasquetti era sordo, ma non divaghiamo)

tutti pensavano che soffrisse di Parkinson: è l’età, dicevano.

e invece era solo il suo modo di fare le fusa.


campo minato

1 maggio, 2009

era una notte scura e senza stelle.
chiamarono gli artificieri.

per farle brillare.