l’han detto i maya

31 dicembre, 2010

andate a letto presto.
vi siete sbagliati: non c’è nessuna urgenza di festeggiamenti.
è tutto rimandato all’anno prossimo.


il giorno più bello

29 settembre, 2009

Sabatini di Borgo San Dalmazzo (CN) (segno zodiacale del calendario), che sagoma Sabatini, cari miei.
lui che diceva lo so io qual è il giorno più bello della settimana, diceva Sabatini in ufficio ai colleghi sbalorditi.
diceva che era il lunedì, Sabatini, il giorno più bello della settimana.

perchè è quello più lontano dal lunedì dopo, diceva.


monumenti riciclati

23 giugno, 2008

dice il professor Sferotti, titolare della cattedra di teologia a Vico Equense (NA) e di quella di geometria a Gallico (RC), che quando nostro signore creò il mondo, arrivò al punto che, creato Rubik, c’era da creare il cubo di Rubik.

ecco.
dice il professore che a nostro signore non gli riusciva tanto bene fare i cubi (così si spiegano anche i cubisti) e allora lui (nostro signore dico) fece un sacco di prove prima di arrivare al dunque.
quelle che non lo soddisfacevano, le buttava stizzito di sotto, dice il professore.

son arrivate così le piramidi in egitto, dice.
son gli scarti di uno che non ci capiva un cubo.


confucio in ufficio

3 febbraio, 2008

“salve capo,
volevo comunicarLe che sono costretta a prendere una settimana di malattia: mi sono beccata l’influenza.
sa com’è: con tutti questi cinesi sul autobus“.

signorina, come la capisco.
c’era un mio amico che una volta un cinese gli attaccò la voglia di lavorare: una tragedia.


non si finisce mai di crescere

20 agosto, 2007

Ermanno Calistri, a 74 anni, ancora non si fidava del mondo degli adulti.


il pifferaio sadico

1 agosto, 2007

il gatto della signora Palmira si chiamava Benedettocroce
(tutto attaccato, eh).
era un gatto filosofo nichilista: i topi lui non li rincorreva mica.

no, lui i topi ci parlava cinque minuti e loro andavano ad impiccarsi da soli col filo delle salsicce.


chi s’accontenta gode

22 gennaio, 2007

e poi c’era Leibniz: un altro filosofo di quelli di filosofia.
quello che diceva che questo, questo che ci siamo dentro noi, è il migliore dei mondi possibili.

che non capivi se c’era o ci faceva.