anche consolare è un’arte

26 novembre, 2008

ho visto un salice piangere lacrime di coccodrillo sul latte versato.
poi, come al solito, è toccato a me pulire tutto.


ad ognuno le sue croci

9 febbraio, 2007

oh, ma lo sai che mi avevan rubato la macchina?
insomma sì: io ormai c’avevo rinunciato a ritrovarla, che pensavo che era già là che girava in Romania con una targa bulgara.
c’avevo fatto una croce sopra, io, a questo punto.

e invece l’altro giorno passo sul lungomare e, che tu ci creda o no, caro utente ladro, la mia vecchia Regata dell’81 era lì parcheggiata.

da cosa l’ho visto che son sicuro che era la mia?
dalla croce.
te l’ho detto no che c’avevo fatto una croce sopra.
per riconoscerla, ce l’avevo fatta: proprio lì sul centro del cofano.
son furbo, eh?


loop

11 dicembre, 2006

caro utente anonimo,

ieri sera ho visto “Chi l’ha Visto?“.
dirai te: come chi l’ha visto?
io l’ho visto. Ma se ho visto chi l’ha visto, allora che senso ha dire chi l’ha visto?
dirai te: hai detto che l’hai visto te chi l’ha visto.

(ah, cazzo: ho fatto fallire una trasmissione televisiva)

insomma, dicevo, caro utente irrintracciabile: ho visto chi l’ha visto, e quindi il problema non si pone. E sai perchè?
perchè se ho visto chi l’ha visto, posso chiedere a chi l’ha visto se mi dice chi è stato perchè lui l’ha visto e quindi lo riconoscerebbe, e in più io ho visto lui che l’ha visto e quindi lo riconoscerei per chiederegli chi era quello che ha visto.

(ad lib.)

non so se realizzi la genialità del piano che ho appena messo in atto, caro utente scettico.


para-paràppappa

30 novembre, 2006

caro utente anonimo,

cantami una canzone.
che mi devo togliere dalla testa quel benedetto ritornello.
(son sei giorni, ormai)


che tempo che fa

28 novembre, 2006

un esempio, da cui anche il termine snoopying (che sta per fincipit, caro utente distratto)

era una notte buia e tempestosa
poi migliorò, come avevano detto le previsioni sul due


fincipit

28 novembre, 2006

allora, caro utente anonimo.

ora te prendi il libro che ti piace di più e ci dici come inizia. Poi, subito, ci dici pure come finisce, visto che è risaputo che qui non abbiamo tempo da perdere e ci annoiamo presto (non si chiama Sintetismi a caso, questo posto in cui sei capitato).

sappi solo che non ci importa se la fine è quella vera o se te la sei inventata di sana pianta e comunque, se hai bisogno di delucidazioni sulle regole, il foglietto illustrativo sta qui e le controindicazioni qua.

sì, perchè il gioco l’ha inventato, non del tutto incoscientemente, eio. Quello di e io che mi pensavo etcetc. , hai presente?
ecco.